I DIISOCIANATI: COSA SONO, DOVE SONO PRESENTI E LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

0
74

La restrizione n. 74 dell’allegato XVII del REACH riguarda infatti i diisocianati (si veda elenco a questo link alla voce n. 74) o i prodotti che li contengono. Infatti, A partire dal 24 agosto 2023 è necessaria un’adeguata formazione prima dell’uso industriale o professionale di materiali con concentrazione di diisocianati superiore allo 0.1% … ebbene si, dal 24 agosto è necessaria una Formazione obbligatoria per professionisti e aziende (che siano lavoratori o lavoratori autonomi) con il superamento del test finale e possedere un attestato per l’utilizzo sicuro del prodotto. La formazione ha validità quinquennale.

La formazione comprende istruzioni per il controllo dell’esposizione ai diisocianati per via cutanea e per inalazione sul luogo di lavoro, fatti salvi gli eventuali valori limite nazionali di esposizione professionale o altre misure di gestione dei rischi adeguate a livello nazionale. Il lavoratore formato che maneggia diisocianati ha le conoscenze adeguate dei pericoli e rischi legati al loro utilizzo, non solo un’esperienza appropriata del loro impiego, soprattutto una preparazione alla prevenzione e gestione dei danni.

MA COSA SONO I DIISOCIANATI?

I diisocianati sono un insieme ampio di composti chimici caratterizzati dalla presenza di due unità di cianati ed un’unità di idrocarburi alifatici o aromatici; essi sono classificati come sensibilizzanti delle vie respiratorie di categoria 1 e come sensibilizzanti della pelle di categoria 1.

L’Unione Europea ha accertato oltre 5.000 casi all’anno di nuove malattie professionale da sensibilizzazione imputabili a diisocianati.

QUALI SONO I PRODOTTI CHE CONTENGONO DIISOCIANATI?

I prodotti sono moltissimi, in particolare:

  • schiume poliuretaniche (ma bisogna controllare che la percentuale è sopra lo 0,1%);
  • colle poliuretaniche, per lo più difenilmetano diisocianato MDI (ma bisogna controllare che la percentuale è sopra lo 0,1%);
  • catalizzatori di molte vernici bicomponenti, non solo poliuretaniche ma anche per le vernici ad acqua;
  • resine bicomponenti, adesivi, sigillanti, rivestimenti, isolanti, vernici e pitture a base poliuretanica.

QUALI SONO LE PRINCIPALI CATEGORIE CHE UTILIZZANO I DIISOCIANATI?

Sono molteplici i settori che utilizzano i diisocianati… dalle carrozzerie alla produzione di mobili, dai produttori di materie plastiche e componentistiche dell’automotive per arrivare a molte lavorazioni edili ed affini come impiantisti, serramentisti, carpenteria per la realizzazione di tetti, tettoie, pittori…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui