TI CON ZERO, AZIENDA LEADER PROTAGONISTA DELLA FORMAZIONE FINANZIATA

0
79

Ti  Con Zero, da anni nel settore della formazione e dei fondi interprofessionali, aiuta le imprese nella crescita e nello sviluppo del personale.

Da sempre la formazione si è rivelata uno strumento imprescindibile per permettere alle aziende di perfezionarsi, essere competitive e non farsi trovare impreparate nell’affrontare le sfide di un mercato del lavoro sempre più esigente.

Tra i motivi principali che fanno della formazione un ottimo investimento, vi è indubbiamente la volontà di far acquisire ai lavoratori le capacità per svolgere al meglio le proprie funzioni, di sostenere i sistemi produttivi e far ottenere alle imprese vantaggi nei propri settori di competenza.

In questo contesto Ti Con Zero, l’ente accreditato per la formazione finanziata riveste un ruolo fondamentale. Dal 1998 l’azienda, con sede a Milano, lavora a fianco di numerose imprese per supportarle nell’ottenimento e nella gestione dei contributi a disposizione per riqualificare e aggiornare professionalmente i propri dipendenti.

Il punto di forza di Ti Con Zero è di proporre alle aziende le opportunità di contributo per la formazione offerte dai Fondi Interprofessionali: risorse che spesso le imprese ignorano o non sono in grado di utilizzare.

L’obiettivo finale è quello di accrescere le competenze professionali del proprio gruppo di lavoro. Uno strumento chiave per quelle realtà che intendono essere sempre all’avanguardia, formando costantemente il proprio staff. Un processo fondamentale per riuscire a restare competitivi nel mondo del lavoro globalizzato.

Ne parliamo con Elisabetta Kriste, socio amministratore di Ti Con Zero.

Quali sono i vantaggi della formazione finanziata?

La formazione finanziata permette ai lavoratori di rafforzare le proprie competenze e professionalità senza costi aggiuntivi da parte delle imprese. All’interno del contributo è compresa anche la quota di consulenza di Ticonzero. Per consulenza si intende un piano di interventi finalizzati ad analizzare le esigenze di sviluppo  della specifica realtà aziendale, una volta stabilito questo ci si affida a docenti e professionisti indicati o dall’impresa stessa o, laddove richiesto, reperiti direttamente da Ticonzero.

Come aderire ai fondi interpersonali?

L’adesione ad un fondo interprofessionale è possibile attraverso una comunicazione specifica sulla piattaforma dell’INPS selezionando la sigla del fondo di destinazione. Per questo motivo la pratica va effettuata dal consulente del lavoro o dal commercialista per conto dell’azienda, è possibile farlo in qualsiasi giorno del mese. Le aziende aderiscono ai fondi in maniera volontaria e l’adesione è revocabile. I datori di lavoro possono aderire ad un secondo Fondo per la formazione dei propri dirigenti e scegliendo tra i fondi costituiti a tale scopo. Fondi Interprofessionali gestiscono lo 0,30% della contribuzione obbligatoria dei lavoratori dipendenti versato all’INPS dalle aziende. Le aziende che non aderiscono ad alcun fondo versano lo stesso contributo (essendo obbligatorio) lasciandolo alla disposizione dell’INPS.

Come la formazione può aumentare la redditività e la produttività aziendale?

I percorsi formativi e la consulenza offerta sono pensati per potenziare le capacità di tutte le funzioni aziendali e si contraddistinguono sia per l’attualità dei contenuti sia per il supporto fornito nelle fasi di richiesta e di rendiconto del contributo.  Il valore principale di un’impresa risiede oggi nel capitale umano e Ticonzero aiuta le aziende nel coprire gli investimenti per la loro formazione, per rendersi resilienti e competitive nel sistema economico.

Grazie all’esperienza di professionisti del settore, Studio Ticonzero accresce le competenze delle aziende a costo zero.

La sfida di Ti Con Zero è oggi quella di essere incisivi ogni giorno nel far arrivare il messaggio a tutte le realtà in Italia che aderire al Fondo Interprofessionale rappresenta oggi una delle più grandi opportunità a disposizione delle imprese e una scelta strategica vincente a sostegno della competitività.

FONTE: Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui