Formazione in azienda: non si smette mai di imparare

215

Chiunque smetta di imparare è un vecchio, che abbia 20 anni o 80. Chi continua ad imparare, giorno dopo giorno, resta giovane. La cosa migliore da fare nella vita è mantenere la propria mente giovane ed aperta (Henry Ford, industriale)

La formazione è uno degli aspetti chiave che una realtà aziendale ha bisogno di progettare e mettere in pratica nei confronti di se stessa e del personale, poiché solo per questa strada può ritagliarsi un posto di rilievo ed essere competitiva, strategica e di successo. In un momento storico in cui le trasformazioni e gli stimoli sono repentini ed incalzanti, investire in formazione del personale vuol dire mettere i lavoratori nella condizione di essere motivati e soprattutto più sicuri e consapevoli nello svolgimento dei propri compiti: personale più qualificato va avanti più spedito, produce meglio e di più.

Tra gli scopi della formazione, sono senza dubbio da annoverare l’esigenza di far acquisire al personale conoscenze e competenze all’avanguardia, la volontà di guardare oltre sviluppando le potenzialità professionali dimostrate dai dipendenti, la necessità di colmare le lacune derivanti da mutamenti tecnologici e normativi in seno all’attuale mercato del lavoro. Risulta chiaro, in tale contesto, quanto sia fondamentale studiare ed aggiornarsi, anche se si è già sul campo da anni: la formazione indirizzata a padroneggiare il cambiamento, unità alla curiosità ed all’intraprendenza, sono skills ormai imprescindibili per un’azienda che aspiri a crescere e a presidiare la propria posizione con consapevolezza e determinazione.

“Insegnare è imparare due volte”, diceva il filosofo francese Joseph Joubert, ed è estremamente logico se si pensa che inevitabilmente chi ha più successo nel lavoro è colui che ha più informazioni. In un’ottica a breve, medio e lungo termine, investire nella formazione fa ottenere benefici da non trascurare. Se è veroche un’azienda sana e felice è un’azienda che produce, guadagna e fa guadagnare, è vero anche che per rendere tutto ciò fattibile occorre dare la possibilità ai dipendenti di sentirsi parte attiva dell’ingranaggio aziendale: tramite la formazione, i lavoratori sono portati a notare la rilevanza che i vertici dimostrano nei confronti del loro futuro professionale e a riconoscere nella gratificazione un veicolo per dimostrare di valere e di saper ricambiare la fiducia ricevuta.

Tra le tappe da percorrere vi è senza dubbio un’analisi preliminare dei bisogni dell’azienda in termini di formazione; non deve poi mancare la progettazione dettagliata della formazione e delle modalità in cui sarà fornita ai dipendenti; a tutto ciò segue una valutazione dei risultati augurabili da confrontare con quelli raggiunti concretamente, con conseguente “check-up” di tutto il processo. Ovviamente c’è da metter in conto la questione dei costi iniziali della formazione, più o meno elevati a seconda dei casi, ma entrando nell’ottica del ritorno futuro e del miglioramento delle competenze generali, l’investimento presto si trasformerà in risorsa, crescita dei profitti e della forza lavoro.

Migliorare le competenze e la proattività del personale non riguarda soltanto la formazione offerta attraverso corsi di aggiornamento, di consolidamento e di perfezionamento. Significa fornire un ambiente stimolante ed una politica attiva di welfare che incoraggi la produttività e che limiti le eventuali tensioni. Molto eloquenti, a tal proposito, le parole di uno dei più famosi miliardari al mondo, Richard Branson: “Trattate bene i vostri dipendenti e loro tratteranno bene la vostra azienda”. Investire nella formazione vuol dire, nell’epoca dei social e della tecnologia, indirizzarsi anche verso questi ambiti.

Online è possibile trovare svariati servizi studiati appositamente per formare ad hoc i dipendenti: non a caso le più grandi aziende al mondo sfruttano le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale e dalle piattaforme e-learning per la formazione del personale. Esistono infatti molteplici strumenti per ottimizzare il processo formativo: i corsi aziendali residenziali, e-learning o blended rappresentano dei percorsi ai quali le aziende possono affidarsi facilmente per affinare la propria competitività, ampliare le prestazioni, assicurarsi profitti e poter fare affidamento su dipendenti all’altezza del piano di sviluppo aziendale.